Francesco Bruni

L’italiano fuori d’Italia


30.00

Durante il Rinascimento l’Italia ha esportato cultura umanistica e nuovi linguaggi nelle arti figurative e nell’architettura. Prima tra le lingue europee, l’italiano si dota di regole grammaticali e di un grande dizionario. Non è questa l’unica linea della sua storia: nel mondo plurilingue del Mediterraneo tra XVI e XVIII secolo l’italiano è impiegato per le transazioni marinaresche, anche in assenza di interlocutori italiani. Ancora, l’italiano ha avuto ripetuti impieghi nella diplomazia dei Balcani e nell’Oriente della Turchia Ottomana. La vita avventurosa di Lord Byron, conclusasi in Grecia, è un’altra chiave di accesso (non l’unica) che spiega perché sia redatto in italiano il documento che fonda la legittima proprietà delle sculture del Partenone da parte del British Museum. Con la sua leggerezza l’italiano, privo del sostegno di uno stato (almeno fino alla svolta dell’Unità d’Italia, e qualche volta anche oltre), è presente in ambienti diversi da quelli studiati tradizionalmente, con risultati che invitano a una revisione seria del luogo comune secondo cui la lingua nazionale sarebbe stata confinata, prima dell’Unità, a un ruolo quasi esclusivamente libresco.

Autore: Francesco Bruni

Anno: 2013

Pagine: 270

Isbn: 978-88-7667-454-9

Edizione: 16°

Collana: Italiano: passato e presente

Numero Collana: 4