L’insegnamento dell’italiano dentro e fuori d’Italia


15.00

Esaurito

 La ricerca sulla didattica dell’italiano L2/LS è in co­stante evoluzione, a causa sia della mutevolezza degli usi linguistici sia della complessità sociale e psicologica che caratterizza – oggi più che in passato – i contesti di apprendimento. La pluralità di etnie e culture che convivono, a volte in modo conflittuale, all’interno delle odierne società e delle classi scolastiche, la rapidità dei cambiamenti nel costume e nei comportamenti sociali, la potenza dei mezzi d’informazione e delle reti di relazione interpersonale stanno modificando le forme della comunicazione e le modalità del rapporto didattico. Diventano sempre più necessarie, quindi, indagini linguistiche e glottodidattiche approfondite, che da un lato analizzino le innovazioni della norma indotte dall’uso dell’italiano da parte di parlanti non nativi, dall’altro orientino la sperimentazione di approcci metodologici calibrati su un’u­tenza ormai fortemente diversificata sotto il profilo sociale e culturale.
In questo volume non mancano, dunque, riflessioni su problematiche prettamente didattiche inerenti alle pratiche d’insegnamento in contesti di L2 ed LS e alla formazione dei docenti, alle esigenze di appren­dimento dei discenti, all’offerta di materiali e strumenti, nonché alle possibilità di formazione, aggior­namento e confronto, in presenza o a distanza, di cui possono disporre i docenti. Completano l’analisi approfondimenti su temi sempre più centrali in ambito glottodidattico: l’abilità di traduzione, l’analisi testuale, l’apprendimento della lingua per lo studio e la scrittura, sul cui ruolo nel processo di sviluppo cognitivo e linguistico si va da qualche tempo concentrando l’interesse di psicologi e neurolinguisti.

Curautore: A cura di Patrizia Mazzotta, Rossella Abbaticchio

Anno: 2016

Pagine: 138

Isbn: 978-88-7667-589-8

Edizione:

Collana: Civiltà italiana

Numero Collana: 14