L’epidemia


,

15.00

La stesura dei contributi risale alla cosiddetta fase 1 del confinamento dovuto all’epidemia da Coronavirus ed è il risultato delle riflessioni di giovani ricercatori dell’Università di Perugia su un argomento di loro interesse sui caratteri linguistici e comunicativi emersi nel tempo dell’epidemia.
I temi “riletti” durante il lockdown sono: i cambiamenti dei messaggi pubblicitari al tempo del Covid-19; i post sulla comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della salute su Facebook; il cambiamento nella timeline italiana di Twitter; il dilagare nelle principali testate online italiane, europee e statunitensi di metafore belliche impiegate in ambito sanitario quali, per esempio, ‘essere in trincea’, ‘essere in guerra’, ‘abbassare/alzare la guardia’; infine attraverso un excursus storico-linguistico il teorema che associa malattia-paese di origine o di maggiore diffusione in chiave sincronica e diacronica, anche sulla scia del provvedimento preso nel 2015 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che consiste nella proibizione di usare denominazioni di malattie per aree geografiche come, per esempio, febbre spagnola, mal francese, influenza cinese.

Sottotitolo: Le parole e l'interpretazione delle parole

Curautore: A cura di Francesca Malagnini

Anno: 2020

Pagine: 136

Isbn: 978-88-7667-846-2

Collana: Quaderni della Rassegna

Numero Collana: 175