Esodi e frontiere di celluloide


14.00

In tempi recenti l’Italia da terra di partenze è diventata anche terra di approdo, con la crescente rilevanza della migrazione dall’estero, dovuta a cambiamenti economico-sociali sia nazionali che internazionali, a con­flitti bellici e a crisi politiche.
Il cinema approda alla storia delle migrazioni degli italiani con un certo ritardo rispetto alla letteratura, rappresentandone però le varie tappe con intensità ed efficacia. I contributi che compongono il volume affrontano modalità e stilemi della rappresentazione, tra finzione e realtà, delle storie di migrazione at­traverso lo schermo cinematografico, spazio artistico da sempre attento alle molteplici alterità dei mondi, percorrendo così alcune tra le possibili chiavi di lettura e itinerari intorno alle complesse questioni di esodi e migrazioni nella duplice e interessante prospettiva che caratterizza l’Italia, terra di emigranti e di recente immigrazione.
L’indagine è rivolta alle strategie sia formali sia tematiche nella narrazione cinematografica dei destini dei migranti e di esodi e frontiere tra le culture e tocca problematiche e questioni come conflitti di civiltà, processi di accoglienza e integrazione che caratterizzano i flussi migratori, sperando che tali riflessioni possano in qualche modo contribuire al dialogo tra le culture e alla reciproca comprensione.

Sottotitolo: Il cinema italiano racconta le migrazioni

Curautore: A cura di L. Trapassi, L. Garosi

Anno: 2016

Pagine: 122

Isbn: 978-88-7667-590-4

Edizione:

Collana: Civiltà italiana

Numero Collana: 16