«FAVELLARE AI LONTANI»

15.00

Dove acquistare questo libro:
 

Adottando una prospettiva liberamente tipologica questa raccolta di saggi esplora la grande varietà di impieghi, forme e registri espressivi che lo scriver lettere assunse in Italia fra il Settecento e il primo Ottocento.
Pur appuntandosi su argomenti, casi ed autori particolari della letteratura e cultura epistolare italiane del periodo (Gian Maria Ortes, Giuseppe Baretti, Pietro Chiari, Saverio Bettinelli, Carlo Innocenzo Frugoni, Francesco Algarotti, Pietro e Alessandro Verri, Gaspare Luigi Oderico, Francesco Carrega, Elisabetta Mosconi Contarini, Niccolò Tommaseo), i vari contributi si offrono – nel loro complesso – come un’indagine diacronica e trasversale.
Al sondaggio dei motivi sottostanti a singole raccolte di lettere o ad usi particolari del genere epistolare, si accompagna la riflessione teorica e l’illustrazione delle ragioni che ne hanno stimolato la trattazione da parte degli studiosi.
Il volume intende arricchire la letteratura critica degli ultimi dieci o quindici anni che si è occupata, sempre più coscientemente, della centralità della scrittura epistolare nella vita sociale, culturale, politica ed economica, sia locale che nazionale e sovranazionale dei secoli diciottesimo e diciannovesimo.

COD: e113c5287a18 Categoria:

Informazioni aggiuntive

Curatore

A cura di Francesca Savoia

Anno

2015

Edizione

Pagine

150

Isbn

978-88-7667-533-1

sottotitolo

Tipologie epistolari tra Sette e Ottocento

Collana

Quaderni della Rassegna