Borgese e la diaspora intellettuale europea negli Stati Uniti

30.00

Dove acquistare questo libro:
 

Il volume si sviluppa intorno al “caso Borgese” e alla sua figura di intellettuale poliedrico, spesso in­giustamente accantonato. Non si tratta di saggi di critica letteraria sui suoi libri, che pure meritano sempre molta attenzione, né di analisi condizionate dall’ideologia, ma piuttosto di un vero approfondi­mento sul dibattito culturale di cui fu protagonista dal 1931, quando lasciò l’Italia per trasferirsi negli Stati Uniti in seguito alle minacce da parte del re­gime fascista.

La raccolta di saggi indaga sul modo in cui Borge­se condusse i rapporti col fascismo, fino a quando non poté più esprimere liberamente il proprio dis­senso e fa luce sulla sua attività intellettuale: duran­te l’esilio americano Borgese fu infatti editorialista, docente, attivista, saggista e poeta.

Il volume comprende inoltre documenti come le lettere aperte a Mussolini, con cui nel 1933 e nel 1934 spiegò la propria opposizione al regime, sancita dal mancato giuramento fascista; la lettera a Benedetto Croce e la trascrizione del discorso che Borgese pronunciò in occasione dell’onorificenza antifascista ricevuta dal governo italiano negli Stati Uniti nel 1951: «The star of Italian Solidarity».

Categoria:

Informazioni aggiuntive

Anno

2016

Edizione

Pagine

258

Isbn

9788876675720

Collana

Quaderni della Rassegna

Curatore

A cura di I. de Seta, S. Gentili