Gianmarco Gaspari

Il mito della “scuola di Milano”


35.00

1 disponibili

Da tempo la cultura letteraria lombarda è oggetto di attenzione, tanto da proporsi come ambito tra i più stimolanti per l’analisi critica, linguistica e filologica. Ma la “tradizione” cui fanno capo Parini, Porta, Manzoni e Gadda, per riconoscersi tale ha dialogato a lungo con l’Europa di Voltaire, di Stendhal e di Joyce. Un inatteso ampliamento degli orizzonti di riferimento − distante tanto dagli esercizi comparatistici quanto dal compiaciuto ripiegamento sulla saga consolatoria del primato morale – si rivela estremamente produttivo, nel definire le coordinate di un “mito” che conduce, in perfetta coerenza, la “scuola di Milano” del Settecento ai decisivi esiti novecenteschi: in una ricerca sul campo dove ai maggiori, con il riconoscimento del loro imprescindibile ruolo nella definizione del canone nazionale, si affiancano “minori” (dalle “donne d’ingegno”, Maria Gaetana Agnesi e Clelia Borromeo, ai giornalisti e ai poligrafi) che guardavano a sviluppi diversi ma non meno ambiziosi. Una sezione del volume è dedicata alle biblioteche sette-ottocentesche (delle istituzioni e degli scrittori), centri fondamentali nella diffusione del sapere e delle idee.

Sottotitolo: Studi sulla tradizione letteraria lombarda

Autore: Gianmarco Gaspari

Anno: 2018

Pagine: 478

Isbn: 978-88-7667-719-9

Edizione:

Collana: Linguistica e critica letteraria

Numero Collana: 22