Boccaccio influenza e attualità


30.00

Anche in Messico si è celebrato (nel 2013) il settimo centenario della nascita di Boccaccio, con un congresso internazionale che ha radunato italianisti di area ispanofona: Messico, Perù, Spagna, Cuba. Un’angolatura e rilettura dunque assai originale e diversa dell’autore del Decameron!
Boccaccio è rivisitato non solo attraverso il Decameron e le sue opere minori ma anche attraverso l’analisi approfondita dell’imitazione dei testi latini – che si ripercuote sull’assunzione di modelli volgari – con l’esame della disputa epistolare tra Pico della Mirandola e Bembo; confronto che, all’inizio del Rinascimento, portò alla proclamazione di Boccaccio come canone di lingua e stile della prosa italiana, stabilendo così le norme del classicismo moderno.
Boccaccio assurge a figura di transizione fra due epoche contrastanti: a partire dalla diversa rielaborazione testuale di una narrazione di tradizione orale, la comparazione delle finalità scritturali tra Boccaccio e Passavanti rende possibile capire la morte del Medioevo.
Di rilievo è la sezione sulle influenze di Boccaccio nelle altre letterature europee (ad esempio in quella tedesca ed in Goethe in particolare) e il brillante studio, di stile polemico, sulle traduzioni del Decameron realizzate in Spagna dal Quattrocento al Novecento.

Sottotitolo: Atti delle XI Giornate di Studi Italiani, Città del Messico, 28 ottobre-1 novembre 2013, Università Nazionale Autonoma del Messico, Dipartimento di Lettere Italiane

Curautore: a cura di Mariapia Lamberti, Fernando Ibarra,Sabina Longhitano

Anno: 2015

Pagine: 307

Isbn: 978-88-7667-550-8

Edizione:

Collana: Quaderni della Rassegna

Numero Collana: 104