ULTIMI FANTASMI E NUOVE COSMOLOGIE

14.00

Dove acquistare questo libro:
 

Questo saggio propone due linee di lettura: la prima è centrata sull’analisi del Conte di Kevenhüller di Giorgio Caproni, alla scoperta degli elementi che collocano tale opera all’interno della tradizione didattico-allegorica e materialistica della lirica italiana; la seconda è introdotta da un saggio che, prendendo le mosse dal Sofista di Platone, tenta di delineare, da un punto di vista filosofico, la situazione della poesia contemporanea nel suo dialogo ininterrotto con il fantasma. Attraverso la lettura di alcune poesie di Sereni (Stella Variabile), Zanzotto (Idioma) e Caproni (Il Conte di Kevenhüller), si definisce il punto d’arrivo, l’hic et nunc maturato nella riflessione poetica di tre fra i nostri maggiori autori del secondo Novecento.

COD: 2d4cd783a3e6 Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

Mauro Canova

Anno

2005

Edizione

Pagine

131

Isbn

978-88-7667-195-1

sottotitolo

Letture e proposte per Sereni, Zanzotto e Caproni

Collana

Strumenti di letteratura italiana