SENZA TRAUMI?

30.00

Dove acquistare questo libro: IBS  Amazon  Feltrinelli  
 

Dopo Dire i traumi dell’Italia del Novecento. Dall’esperienza alla creazione letteraria e artistica, questo volume verifica l’ipotesi, provocatoria, dell’assenza di traumi collettivi nelle società occidentali dalla seconda metà del Novecento e analizza la sua traduzione nella narrativa, nella poesia, nel teatro e nelle arti plastiche dell’Italia degli anni Zero attraverso una “scrittura dell’estremo” quale compensazione formale ed etica.
Rispetto all’assenza di traumi, di esperienza e di testimonianze dirette, da un lato la produzione culturale evoca una memoria ricacciata nelle pieghe del mutismo transgenerazionale che si esprime attraverso scritture neo-storiche e autofinzionali; dall’altro, nell’epoca della globalizzazione, si confronta con la considerazione del dolore altrui reinterrogando la funzione e le forme della mimesis. Ne risulta per la letteratura e le arti degli anni Zero in Italia la ricerca di nuove prospettive che rimettano l’empatia conoscitiva al centro della scrittura.

Informazioni aggiuntive

sottotitolo

Le ferite della storia e del presente nella creazione letteraria e artistica italiana del nuovo millennio

Curatore

A cura di Maria Pia De Paulis e Ada Tosatti

Anno

2021

Pagine

270

Isbn

978-88-7667-885-1

Collana

Quaderni della Rassegna