BOCCACCIO E NAPOLI

45.00

Dove acquistare questo libro:
 

Dopo Firenze, Napoli è senza dubbio la principale città nell’esperienza biografica e culturale di Giovanni Boccaccio.
Giunto nella capitale del Regno nel 1327, vi si trattenne fino al 1341, quando fece ritorno a Firenze. Dopo tredici anni, dunque, Boccaccio lasciava Napoli: città che sarebbe rimasta per tutta la vita la Gerusalemme terrena perduta e sempre desiderata.
Dalla fine del terzo decennio e fin quasi alle ultime settimane di vita, l’esperienza di Boccaccio rimane dunque fissata su Napoli e il suo ambiente culturale. Dalla Caccia di Diana al Filostrato e al Filocolo; dall’Elegia di madonna Fiammetta all’Amorosa visione; dalle Genealogie al De casibus e al De mulieribus claris: la lunga produzione volgare e latina dell’autore ha sempre ruotato intorno alla capitale angioina.
Questo libro raccoglie gli interventi di storici, storici dell’arte, filologi romanzi, esperti della lingua e della letteratura trecentesca, riunitisi a Napoli e a Fisciano in occasione del VII Centenario della nascita di Boccaccio (1313-2013) per restituire il pieno profilo di questo “autore di due città”, saldamente radicato nell’ambiente e nel clima fiorentino, ma al contempo perfettamente padrone dei caratteri della cultura napoletana.

COD: f1c7cdf161de Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

AA.VV.

Anno

2015

Edizione

Pagine

448

Isbn

978-88-7667-518-8

sottotitolo

Nuovi materiali per la storia culturale di Napoli nel TrecentoAtti del Convegno Boccaccio angioino. Per il VII centenario della nascita di Giovanni Boccaccio, Napoli-Salerno, 23-25 ottobre 2013

Collana

Quaderni della Rassegna

Curatore

A cura di G. Alfano, E. Grimaldi, S. Martelli, A. Mazzucchi, M. Palumbo, A. Perriccioli Saggese, C. Vecce