Sulla prima scrittura poetica di Luzi. Dalla “Barca” a Ebe

10.00

Dove acquistare questo libro: IBS  Amazon  Feltrinelli  
 

Il libro indaga sulla produzione poetica di Mario Luzi dai giovanissimi esordi sino all’originale prosa poetica di Biografia a Ebe. Poco più che ventenne, Mario Luzi esordisce con la raccolta di versi La barca (Modena 1935). Sono gli anni dell’ermetismo fiorentino in cui il poeta entra in contatto con i coetanei Piero Bigongiari e Alessandro Parronchi e i critici Carlo Bo e Oreste Macrì. Già dagli esordi è forte l’influenza leopardiana nella poetica di Luzi, soprattutto nella scelta dei titoli: Serenata di piazza d’Azeglio, Canto notturno per le ragazze fiorentine, Ultimo canto di Don Giovanni. Ma altrettanto presenti sono gli influssi stilnovistici, cui è dedicato un intero capitolo del volume. La barca vive ben tre stagioni: l’esordio nel 1935, una seconda edizione nel 1942 e un’ultima definitiva nel 1960, nella quale confluirà anche la seconda raccolta luziana del 1940, Avvento notturno, in cui le tematiche poetiche si avvicinano alla poesia francese di Rimbaud e, in particolare, di Mallarmé. Nel 1942 esce Biografia a Ebe, un originalissimo poemetto in prosa di influenza simbolista. È questa la prima stagione letteraria di Mario Luzi, non ancora trentenne, che troverà compiuta maturazione nei decenni successivi.

Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

Noemi Corcione

Anno

2017

Edizione

Pagine

103

Isbn

978-88-7667-640-6

Collana

Strumenti di letteratura italiana