SE NULLA CAMBIÒ

20.00

Dove acquistare questo libro:
 

Il saggio vuole essere una rilettura dell’impresa garibaldina dalla prospettiva della microstoria, per risalire da questa alla macrostoria raccontata dagli Storici nazionali. Avviando l’analisi dal celebre aforisma gattopardiano «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi», il saggio ricostruisce il progetto della spedizione garibaldina, a partire dall’idea leggendaria di Garibaldi stesso. Sono documentati i numerosi sbarchi in diverse parti dell’isola, a supporto e accanto a quello dei Mille, e sono analizzate la prospettiva insurrezionale e le atrocità fratricide di guerra civile, evidenziando le motivazioni sociali tradite che portarono all’eccidio di Bronte. A riprova della diffusione di rivolte anti-garibaldine, oltre a quella di Bronte di recente riscoperta e alle numerose altre note, si commenta l’insurrezione abortita di Prizzi, paese al centro della Sicilia sicana, ante litteram rispetto a tutte le altre. Ne segue la pars construens avvenuta nel paese, ovvero l’analisi da un punto di vista socio-economico della partecipazione popolare alla conquista dell’isola. Viene infine analizzato l’organigramma dell’amministrazione comunale di Prizzi, con un raffronto sinottico e analitico tra l’anteriore struttura consiliare borbonica e la nuova nata dall’annessione e insediatasi con il governo savoiardo. Corredano il percorso le schede dei garibaldini prizzesi e una bibliografia certamente nuova nel contesto delle recenti celebrazioni unitarie.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COD: 0f607be74e9f Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

Carmelo Fucarino

Anno

2015

Edizione

Pagine

169

Isbn

978-88-7667-521-8

sottotitolo

I Garibaldini a Prizzi

Collana

Storie d’Italia