Milano, il grattacielo e la Metropoli

18.00

Dove acquistare questo libro: IBS  Amazon  Feltrinelli  
 

Forse nessun altro oggetto architettonico possiede la carica mitico-simbolica del grattacielo, il quale funge qui da cartina al tornasole per mettere in evidenza il complesso ventaglio di concezioni del moderno che si intersecano nella Milano del boom a cavallo tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta. Prendendo spunto dal celebre saggio simmeliano sulla Metropoli e dalla rilettura fornitane poi da Massimo Cacciari si intendono così rileggere alcuni scritti architettonici del filosofo Enzo Paci (in dialogo con uno dei maestri del movimento moderno italiano, ovvero Ernesto Nathan Rogers), testi di Gio Ponti (l’architetto, insieme a Nervi e Danusso, del grattacielo Pirelli), due reportage “letterari” di Dino Buzzati sul Pirelli, un saggio-racconto di Enrico Filippini sui grattacieli milanesi e ancora, vero fine dell’indagine, due testi cinematografici di Michelangelo Antonioni, rispettivamente La notte (1961) e, in secondo ordine, L’eclisse (1962). Chiude il volume un’appendice che ripropone per la prima volta al pubblico lo scritto di Filippini e un importante saggio di Gio Ponti sul Pirelli.

Informazioni aggiuntive

sottotitolo

Riletture moderniste dello spazio urbano tra architettura, cinema e letteratura (1956-1963)

Autore

Alessandro Bosco

Anno

2021

Pagine

144

Isbn

978-88-7667-895-0

Collana

Sagittario