La poetica di Camillo Sbarbaro (a cinquant’anni dalla morte del poeta, 1967-2017)

22.00

Dove acquistare questo libro:
 

Nel cinquantenario della morte del poeta Camillo Sbarbaro un incontro di italianisti ad Arezzo (nel 2017) presso l’Accademia Petrarca ne ha ripercorso la storia umana e letteraria. Ligure, di Santa Margherita, Sbarbaro a soli ventisei anni pubblica la raccolta di poesie Pianissimo e nello stesso anno si reca a Firenze dove incontra Ardengo Soffici, Giovanni Papini, Dino Campana, Ottone Rosai e altri artisti e letterati che ruotavano intorno alla rivista «La Voce».
Richiamato alle armi nel 1917 il poeta scrive al fronte la raccolta poetica Trucioli, pubblicata da Vallecchi nel 1920. Sarà proprio Trucioli a fargli conoscere, un altro “grande ligure”: Eugenio Montale.
Tra il 1928 e il 1933 Sbarbaro viaggia soprattutto in Europa cogliendone i nuovi venti letterari e politici. Al 1933 risale il nuovo libro Calcomanie che, a causa della censura, circolerà solo nel 1940 in una ventina di copie dattiloscritte. Nel 1945 Sbarbaro inizia un’intensa attività di traduzione di autori francesi e greci.
Gli ultimi anni di lavoro letterario dopo il denso volume Fuochi fatui del 1956 lo vedono impegnato solo in piccole raccolte di prosa: Gocce (1963), Il “Nostro” e nuove Gocce (1964), Contagocce (1965), Bolle di sapone (1966), Vedute di Genova (1966) e Quisquilie pubblicato poco tempo prima della sua scomparsa (1967). Sbarbaro, pur nella sua produzione “misurata” e nel suo vivere appartato, ha rappresentato una
delle voci più limpide e alte della lirica italiana del Novecento.

Categoria:

Informazioni aggiuntive

sottotitolo

Atti del convegno. Arezzo, 11 novembre 2017

Curatore

A cura di Giorgio Baroni e Giancarlo Quiriconi

Anno

2019

Pagine

160

Isbn

978-88-7667-756-4

Collana

Quaderni della Rassegna