La figura del mediatore linguistico e culturale nell’era digitale

18.00

Dove acquistare questo libro:
 

L’era digitale è quella dei “big data” e dei “social media” ma è anche, e forse proprio per questo, l’epoca dei “large contacts”. Ciò significa che la mediazione linguistica e culturale è destinata a diventare una funzione strategica affinché questi contatti inneschino una “comunicazione” reciprocamente comprensibile ed empatica. Operazione che, risalendo all’etimologia del termine, significa “mettere qualcosa in comune”, presupposto necessario, sebbene non sufficiente, di ogni transazione pacifica, condivisa e mutualmente proficua.
Per dirla con uno slogan, nel XXI secolo la mediazione linguistica e culturale pur senza essere tutto sarà dappertutto. Una funzione pervasiva per cucire le smagliature sociali, ridurre le distanze culturali tra mondi che un tempo non si incontravano, negoziare significati nel babelico flusso della comunicazione digitale.
Pertanto di fronte a questo nuovo scenario globale la mediazione linguistico-culturale, come processo, e il mediatore, come figura professionale, sono entrambi concetti da ridefinire e aggiornare alla luce delle rapide trasformazioni in atto. Il volume propone una selezione di interventi su questo tema presentati in occasione del convegno “La figura del mediatore linguistico e culturale nell’era digitale” organizzato a Fermo nel 2018, evento che ha tenuto a battesimo anche la nascita dell’Osservatorio Nazionale sulla Mediazione Linguistica e Culturale (OSSMED).

Informazioni aggiuntive

Curatore

A cura di Carlo Nofri

Anno

2020

Pagine

176

Isbn

978-88-7667-844-8

Collana

i Quaderni di OSSMED