INTERAZIONI LINGUISTICHE, LETTERARIE E CULTURALI TRA L’ITALIA E I PAESI D’OLTRALPE DAL QUATTROCENTO AL NOVECENTO – Terza serie

24.00

Dove acquistare questo libro: IBS  Amazon  Feltrinelli  
 

Dal XV secolo è preponderante, in Italia, la presenza di musicisti provenienti da paesi franco-fiamminghi e d’oltralpe in genere. Il contributo di questi artisti alla cultura della Penisola è ormai noto, così come lo è il fenomeno contrario: la creatività melodica italiana che si combina con il sistema composivo fiammingo, basato sul contrappunto, sull’elaborazione polifonica e sull’artificiosità.
Esiste una sottile continua frequentazione delle culture destinate a diventare il presupposto di un’intera­zione su più piani: letterari, linguistici, sociali e di costume.
I vari capitoli del volume guidano il lettore alla scoperta della commistione di arti e saperi che caratterizza l’Italia e i paesi d’oltralpe a partire dal Quattrocento. Disposti in ordine cronologico e “crescente”, i saggi propongono un progressivo allontanamento, in termini spaziali, dal baricentro del bacino del Mediterra­neo verso orizzonti culturali e letterari, temi, motivi che raccontano di “altre” visioni dell’idea di italianità.
Per poi tornare a riferirsi a un’italianità più tradizionalmente intesa – si potrebbe dire come “punto di partenza”: dalla ripresa della caratterizzazione manzoniana del binomio ragione/sentimento alla rifles­sione sui movimenti migratori e sul corrispondente flusso di coscienza, predominante in autori otto-novecenteschi come De Amicis, Svevo e Pirandello; dal tema dello “sguardo” verso l’Italia nell’esperienza montenegrina di Lazar Tomanovic e in quella italiana di Raffaele La Capria alla lettura della realtà cultu­rale e territoriale della Sardegna in Marcello Fois.

COD: 2cb93a7bb243 Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

AA.VV.

Curatore

A cura di Pasquale Guaragnella, Francesco Luisi, Franco Musarra

Anno

2016

Edizione

Pagine

251

Isbn

978-88-7667-577-5

Collana

Civiltà italiana