Decostruzioni dell’Homo Italicus nella poesia italiana del Novecento

18.00

Dove acquistare questo libro:
 

La riflessione sullo strappo nella poesia del Novecento rispetto ai canoni più tradizionali e vincenti dell’Homo Italicus, come potremmo chiamare il prototipo letterario e culturale dell’Italiano sedimentatosi nei secoli, emerge sin dal titolo del volume. Fondamentale, nel rompere quel canone, è il Gobetti lettore di poesia e critico implacabile degli aspetti più inquietanti e reazionari dell’«autobiografia della nazione». Proprio il dialogo di Montale con Gobetti e Papini fa da cerniera tra primo e secondo Novecento, riflettendo su «ciò che siamo» e ancor più «non siamo». A precederlo alcuni dei suoi padri nobili: Pascoli, Gozzano e Campana; a seguirlo, le voci maggiormente rappresentative del genere poetico di contestazione più radicale: quella forma invettivale quanto mai viva nel secondo Novecento e oltre. Tra le peculiarità di questo volume di Carla Chiummo spicca la scelta di un taglio ‘militante’ e insieme attento – come è proprio della metodologia della studiosa – alle caratteristiche stilistiche, linguistiche e intertestuali degli autori qui attraversati.

Categoria:

Informazioni aggiuntive

sottotitolo

(Pascoli, Gozzano, Campana, Gobetti, Montale e il secondo Novecento)

Autore

Carla Chiummo

Anno

2020

Pagine

156

Isbn

978-88-7667-821-9

Collana

Strumenti di letteratura italiana