CONTROCULTURE ITALIANE

25.00

Dove acquistare questo libro: IBS  Amazon  Feltrinelli  
 

Può sembrare contraddittorio conferire una dimensione nazionale a movimenti transnazionali quali i movimenti del ’68.
Eppure, quei movimenti di protesta scelsero i loro bersagli a seconda del contesto geografico e assunsero connotazioni espressive riferite a immaginari locali, legati al contesto e alle tradizioni nazionali.
Anche in Italia, il movimento di contestazione “importato” dagli USA e dalla Francia ha avuto un esprit particolare. La prima domanda cui risponde questo volume è se, come e dove questo spirito sia emerso e sia stato recepito.
Una seconda problematica riguarda l’eredità del ’68. Ci siamo chiesti quanto le generazioni successive siano state influenzate da quella cultura che aveva investito il pubblico e il privato, il sociale, il politico, e finanche l’etica e l’estetica. Le nuove forme di espressione espresse dal ’68 hanno messo davvero in discussione le convenzioni artistiche? Le culture popolari affermatesi in quel clima, e le nuove avanguardie che le hanno costeggiate, hanno davvero sovvertito i codici, rivoluzionato il canone? In che modo si sono trasmessi l’insolenza, la sperimentazione, il nichilismo, l’edonismo e l’esotismo di quegli anni?
Ha ancora un senso, a cinquant’anni da quell’esplosione emancipatrice, riconsiderare le controculture nate in Italia sulla scia del ’68 e riflettere sulle loro eredità? La risposta che diamo pubblicando il presente volume è affermativa.

Informazioni aggiuntive

Curatore

a cura di Silvia Contarini, Claudio Milanesi

Anno

2019

Pagine

204

Isbn

978-88-7667-792-2

Collana

Quaderni della Rassegna