AN ETYMOLOGICAL DICTIONARY FOR READING BOCCACCIO’S FILOSTRATO

75.00

Dove acquistare questo libro:
 

Giovanni Boccaccio (1313 – 1375), che è conosciuto fra gli studenti di letteratura inglese come uno degli autori che maggiormente hanno influenzato Geoffrey Chaucer e William Shakespeare, è considerato uno dei più creativi autori del mondo letterario del Trecento in Italia, dove la superiorità linguistica della lingua latina è ancora persistente. Egli rende il più alto tributo a Dante Alighieri (1265 – 1321) contribuendo con uno dei suoi ultimi lavori e cioè Trattatello in Laude di Dante, poiché Dante è proprio la persona che si è fortemente opposta al dominio del latino sostenendo la maggiore importanza della sua lingua vernacolare, cioè il toscano di quel tempo. Infatti Filostrato, che è una delle prime opere napoletane del Boccaccio, probabilmente nel 1335, è scritto in vernacolo, sebbene, da un punto di vista sintattico, l’ablativo assoluto della lingua latina è molto evidente, come si può ben vedere nella seconda parte dell’opera.
Il titolo Filostrato sembra essere stato inventato proprio da Boccaccio: Filo che viene dal greco phileîn “amare” e strato che deriva dal latino stratus che è il participio passato di sternere “abbandonato”, così che il significato letterale è “un uomo che è abbandonato dall’amore”. Filostrato è considerato un poema narrativo, composto da nove parti con 5704 righe secondo la maniera dell’epica classica e cioè il verso di ottava alessandrina e quindi una riga di sei piedi o dodici sillabe.

COD: 3203bdb9a680 Categoria:

Informazioni aggiuntive

Autore

Osamu Fukushima

Anno

2010

Edizione

Pagine

449

Isbn

978-88-7667-397-9

Collana

Filologia e ordinatori